Siamo proprio sicuri che tutte le foto che vediamo sui siti di fotografi o meglio sarebbe dire di pseudo-fotografi, siano effettivamente frutto del loro lavoro ?

Si sta diffondendo la “bella” abitudine di qualche commerciante della fotografia di matrimonio, di acquistare fotografie on line e di pubblicarle su siti dove si pubblicizza la loro attività, la loro bravura, la loro ARTE.

Un bel sito, come sappiamo bene, è una bella vetrina. Mette in mostra il nostro lavoro, fa capire il nostro saper “fare arte “.  Ci pubblicizza e ci fa apprezzare, fa capire il nostro stile fotografico e ha il compito di mostrare le nostre fotografie e di attirare potenziali nuovi clienti.
In molti siti internet di pseudo-fotografi di matrimonio ultimamente appaiono foto spontanee, belle, molto attuali … peccato che siano state comprate  e che l’autore del sito magari nemmeno sappia cosa sia una fotografia di matrimonio. Niente di illegale, le foto sono state regolarmente acquistate.
 Di illegale resta il fatto che in ogni caso andrebbe indicato l’autore delle fotografie, perchè il messaggio non passi per pubblicità ingannevole o in alternativa andrebbe inserita la dicitura “ le immagini presenti sul sito hanno il solo scopo di illustrare il prodotto”, come se il vostro matrimonio fosse un “prodotto”, come se i vostri ricordi fossero un qualcosa da comprare “ al chilo”.
Voi pensereste mai che qualcuno metta fotografie non sue su di un sito che serve per mostrare il proprio lavoro? Voi arrivereste mai a pensare che un fotografo possa comprare fotografie di altri per farsi pubblicità ?
Eccovi la risposta. Qualcuno c’è !
E quando ve lo ritroverete al vostro di matrimonio ? 
Che fotografie vi scatterà ? Potrà comprare in seguito le fotografie e metterle nel vostro album ?

Questi personaggi “giocano” con i vostri ricordi. 
State molto attenti quando scegliete il fotografo per il vostro matrimonio. Gli state affidando un compito molto delicato, unico e irripetibile.

ANFM (Associazione Nazionale Fotografi di Matrimonio ) ha preso a cuore questa situazione, forte delle sue garanzie di correttezza verso gli sposi, ha deciso di combattere questo falso modo di fare fotografia, in tutte le maniere a sua disposizione, con controlli sistematici su tutti i siti di fotografi matrimonialisti e non, che operano in Italia, denunciando all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (www.agcm.it) qualsiasi violazione che verrà scoperta.
Sta inoltre vagliando la possibilità di inserire nel sito dell’associazione, una pagina dove segnalare i nomi di tutti i fotografi scoperti a pubblicizzarsi in maniera falsa, non nel rispetto delle regole del libero mercato.

Comments

comments